Pd: R. Lombardia coinvolga subito farmacie per tamponi e vaccini

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 feb. (askanews) - "Le farmacie hanno un ruolo strategico, dentro al servizio sanitario regionale, per la qualità e la capillarità della loro presenza. In questo momento storico, poi, sono fondamentali per il rilancio della sanità territoriale e per la lotta al Covid: sono imprese ma sono anche realtà di pubblico servizio e noi siamo convinti che Regione Lombardia ha fatto troppo poco per coinvolgerle efficacemente. È urgente che la Regione non solo stipuli protocolli d'intesa con le farmacie ma che definisca operativamente e concretamente il loro apporto su due azioni fondamentali: aumentare il numero di tamponi per tracciare la popolazione lombarda e contribuire alla vaccinazione contro il Covid". E' quanto hanno dichiarato i consiglieri regionali del Pd, Carlo Borghetti e GianAntonio Girelli (rispettivamente vicepresidente del consiglio regionale e presidente della Commissione speciale d'Inchiesta sull'emergenza Covid-19 in Lombardia), che oggi hanno partecipato alla III Commissione Sanità, che ha audito la presidente di Federfarma Lombardia, Annarosa Racca.

Per i due consiglieri dem serve, infatti, "un cambio di passo da parte della Regione, anche nel coinvolgimento delle cosiddette farmacie rurali nei territori meno densamente popolati, oltre che delle farmacie comunali". "Da troppi anni ormai - hanno concluso - sentiamo dai vari assessori regionali alla Sanità che si sono susseguiti propositi di arruolamento delle farmacie al servizio pubblico cui poi non ha fatto seguito un reale impegno: sarà la volta buona?".