Pd: Ricci, 'siamo sotto attacco, serve guida forte e regole più coraggiose'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 28 ott (Adnkronos) – "Siamo sotto attacco, la nostra comunità è sotto attacco. C'è un tentativo evidente dai nostri potenziali alleati di chiuderci in una morsa in salsa francese da cui dobbiamo uscire". Lo ha detto Matteo Ricci nel suo intervento alla Direzione del Pd.

"Dobbiamo essere combattivi e chiari. Enrico è garante e arbitro ma abbiamo bisogno di una guida forte, determinata e autorevole e tutti noi ad aiutarlo, se no non reggiamo da qui al Congresso", ha spiegato il sindaco di Pesaro. "Dovremo costruire alleanza larghe che vengono prima del Congresso, dobbiamo avere idee chiare su come essere competitivi. Presentiamo subito una nostra proposta di legge di Bilancio su tre punti: costo energia, taglio tasse sul lavoro, salario minimo. E picchiamo tutti i giorni sui contanti, sull'evasione, sul Covid".

Ricci, tra le altre cose, ha chiarito: "Io posizionerei il Pd contro l'autonomia differenziata. Capisco l'imbarazzo tra gli amministratori del Nord ma nella parola differenziata sta l'inghippo. Noi dobbiamo essere quelli che riducono le disuguaglianze". Infine, il sindaco dem ha chiesto: "Invito tutti a provare a pensare regole più coraggiose. Non credo basterà dire 'apriamo la chiamata' per far iscrivere le persone e gli iscritti sono pochi. Perchè non prevediamo un meccanismo di doppie primarie in cui si sceglie una mozione e poi il segretario? Almeno ci indirizziamo platea un pò più ampia".