Pd: sospendere subito missione Nato a confine Siria-Turchia

Rea

Roma, 11 ott. (askanews) - "Essere alleati non può voler dire che la Turchia possa abusare della nostra pazienza. L'Italia, da alleato, ha condiviso la responsabilità in sede Nato di contribuire a proteggere il confine fra Siria e Turchia con l'operazione Active Fence. Questo accadeva quando in Siria infiammava la guerra civile e c'era un forte rischio di infiltrazioni terroristiche. Ora la Turchia ha deciso in modo unilaterale e senza nessuna azione ostile da parte curda di attaccare e invadere la regione di Ras al-Ain. Dobbiamo ricordare che l'Italia ha sempre espresso solidarietà alla Turchia sia in occasione del fallito colpo di Stato del 2016 (dopo il quale abbiamo anche organizzato una missione), sia in occasione dei numerosi attentati subiti. Fra alleati però è giusto dirsi le cose con grande chiarezza. L'iniziativa turca oggi cambia totalmente lo scenario in cui ci troviamo ad agire e ritengo che la missione Nato in cui il nostro Paese è impegnato, proprio in considerazione della situazione attuale, debba essere immediatamente sospesa". Lo dichiara la capogruppo democratica in commissione Esteri alla Camera, Lia Quartapelle.