Pd: su capogruppo Camera obiettivo è evitare conta, si rafforza Serracchiani (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – Nei contatti di queste ore, però, si parla anche del rinnovo dell'ufficio di presidenza a Montecitorio, conseguenza del cambio di capogruppo. Per quel che riguarda i vice capogruppo vicario si fanno tra gli altri i nomi di Piero De Luca e Michele Bordo.

Resta, però, ancora da sciogliere il nodo della presidenza della commissione Lavoro della Camera, che la Serracchiani dovrebbe lasciare se eletta capogruppo. Il Pd avrebbe, in questo senso, stretto un patto soprattutto con il M5s per scegliere un altro esponente dem.

Il nome che circola è quello di Antonio Viscomi. Forza Italia e adesso anche la Lega, però, sarebbero pronte a rivendicare la presidenza. In particolare Fi avrebbe già fatto notare al Partito democratico il fatto di non avere nessuna presidenza nelle commissioni permanenti.