Pd: Zingaretti, 'riformismo popolare per cambiare le cose'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 ott. (Adnkronos) – "Sono circa due anni, dall’irrompere del Covid, che gli italiani chiedono alla politica un orientamento e delle scelte chiare sulle questioni più importanti che li riguardano: la loro esistenza concreta, la salute, il lavoro, il futuro dei loro figli e delle loro comunità. Non c’è dubbio: chi ha saputo meglio rispondere a queste domande è stato il Pd, la sua delegazione al governo e, seppure in forma diversa, l’insieme delle forze del nuovo centrosinistra". Lo scrive Nicola Zingaretti su Fb.

"La nostra vittoria in questa tornata elettorale è molto figlia di questo. Si conferma giusta l’ispirazione unitaria del Pd, che ha puntato nuovamente a costruire un sistema di alleanze aperto e competitivo e una unità interna che si è rafforzata in questi mesi. Nel periodo del governo Draghi il Pd, infatti, non è stato attraversato da polemiche o lotte interne. Ciò è stato determinante per combattere meglio ed è il frutto di una direzione ferma ma pluralista di Enrico Letta".

"La destra populista capace, fino a qualche tempo fa, di cavalcare le paure, nella sfida con la nuda realtà dei fatti si è persa. Non ha dato risposte convincenti. È apparsa distante dai problemi concreti del nostro tempo. Prigioniera di un’identità costruita tutta 'contro' invece che 'per': contro qualcosa o qualcuno, piuttosto che per un progetto di speranza utile agli italiani. Sul Covid, sulle mascherine, sul lockdown, sui vaccini, sul ruolo dell’Europa, e altro ancora, la destra italiana è apparsa contraddittoria, confusa, divisa e ondivaga".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli