Pd, Zingaretti riunisce la Direzione

webinfo@adnkronos.com

Nicola Zingaretti riunisce oggi la Direzione Pd. Ci sarà, o almeno viene dato tra i presenti, anche Stefano Bonaccini, reduce dalla vittoria in Emilia Romagna. E parte proprio da quel successo l'analisi che farà il segretario. Sul Pd, sulle prossime sfide alle regionali, sul governo e sull'azione dell'esecutivo sui cui dem spingono perché ci sia un'accelerazione. "Si passa dalle parole ai fatti o il governo si indebolisce", ha rimarcato ieri mattina Zingaretti in radio. 

"Una grande alleanza che vuole salvare il Paese non si arena nella polemica quotidiana... fermare le destre non significa spaventare le persone di Salvini, vuol dire dimostrare che si può fare molto meglio di quando lui governa", ha sollecitato il segretario dem che ha ribadito come Giuseppe Conte sia "un punto di riferimento per i progressisti" mentre non condivide la scelta dei 5 Stelle di scendere in piazza sui vitalizi: "Un errore". E sul dossier Autostrade puntualizza: sulla revoca delle concessioni autostradali non si può decidere "per fideismo politico, ma sulla base delle verifiche", accertando "se sono stati rispettati i patti o no. Non capisco perché è tutto così difficile in Italia".  

Ma oltre ai temi di governo, la questione delle prossime regionali e le eventuali alleanze, saranno affrontati anche temi organizzativi interni. Intanto la convocazione della assemblea nazionale a breve. In quella sede dovrebbe essere eletto il nuovo presidente dopo la nomina di Paolo Gentiloni a commissario Ue. L'unica cosa certa è che sarà una donna. Si era parlato di Roberta Pinotti e poi di Debora Serracchiani. Era uscita anche l'ipotesi della personalità esterna come la scrittrice Chiara Gamberale. E nelle ultime ore, a quanto si apprende, circola invece un'altra ipotesi: quella di una amministratrice alla presidenza del Pd. Del resto, più volte lo stesso Zingaretti ha spiegato di voler valorizzare il ruolo degli amministratori dem.  

Non dovrebbe invece essere varata oggi la nuova segreteria unitaria con Base Riformista. "Non credo", risponde un big di Br. Ci sarebbe ancora qualche dettaglio irrisolto. Poi c'è il tema congresso. Subito dopo le regionali, Zingaretti aveva lasciato intendere tempi non brevissimi visto il referendum e le elezioni regionali e amministrative di primavera. Tuttavia, in ambienti dem, molti scommettono sulla volontà del segretario di stringere i tempi, magari prima delle regionali. Zingaretti non ha accennato mai in modo esplicito a questa ipotesi. Lo ha fatto il vicesegretario Andrea Orlando di recente in un'intervista. Se effettivamente fosse questa la volontà, potrebbe aprire qualche frizione all'interno del Pd. Anche nella maggioranza, in Areadem. Base Riformista già quando a metà gennaio Zingaretti su Repubblica aveva anticipato l'intenzione di aprire una fase congressuale, aveva chiesto si tenesse comunque dopo il ciclo elettorale. E anche nell'ultima riunione dell'area Lotti-Guerini si è parlato del congresso chiedendo al segretario di fornire dettagli più precisi nella "costruttiva volontà di conoscere i dettagli del percorso che propone Zingaretti".