Pechino “attacca” la visita di un ministro britannico a Taiwan

featured 1667693
featured 1667693

Pechino, 7 nov. (askanews) – La Cina ha invitato la Gran Bretagna a metter fine a qualsiasi forma di scambi ufficiali con Taiwan dopo che il ministro britannico per la politica commerciale, Greg Hands, ha annunciato una visita sull’isola per i primi incontri in presenza dall’inizio della pandemia di Covid-19.

Il portavoce del ministero cinese degli Esteri, Zhao Lijian, in conferenza stampa ha dichiarato:

“C’è una sola Cina, ‘one China’ nel mondo e Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese. La Cina respinge fermamente tutte le forme di scambi ufficiali con la regione di Taiwan da qualsiasi paese che abbia dei legami diplomatici con la Cina. Il principio ‘one China’ costituisce il fondamento politico dello sviluppo di relazioni bilaterali tra la Cina e il Regno Unito”.

“Chiediamo immediatamente al Regno Unito di rispettare la sovranità della Cina, di conformarsi al principio ‘one China’, cessare ogni forma di scambi ufficiali con Taiwan e fermare l’invio di segnali alle forze separatiste di Taiwan. Abbiamo fatto capire alle autorità taiwanesi che ogni tentativo di indipendenza con la complicità di forze esterne è destinato a fallire”.