Pecoraro Scanio: #StopFakeFood, prima vittoria

Red/Plg

Roma, 12 ott. (askanews) - A Cernobbio in occasione del XVIII Forum internazionale sull'agricoltura è stata annunciata la vittoria della raccolta firme europea per ottenere l'etichettatura obbligatoria di origine dei prodotti agroalimentari in tutta la Ue. "Abbiamo raggiunto i due quorum necessari. Oltre 1 milione di firme e il numero di 7 Paesi con quorum nazionale minimo in Italia, Belgio,Finlandia, Estonia, Irlanda, Slovacchia e Lussemburgo.

Ma firme sono arrivate da tutti i 28 Paesi - ha dichiarato Alfonso Pecoraro Scanio tra i promotori della ICE ( iniziativa dei cittadini europei) come presidente della fondazione Univerde e del comitato scientifico di Campagna Amica.

"Le oltre 5000 sezioni locali della Coldiretti, i 1000 mercati di Campagna amica e soprattutto i giovani agricoltori sono stati determinanti per questa vittoria- continua l'ex ministro dell'agricoltura e dell'ambiente- ma anche online siamo riusciti a coinvolgere centinaia di migliaia di cittadini ."

"Dal 2012 sono pochissime le ICE che sono riuscite a raggiungere il risultato. Questa è solo la settima ed è la prima realizzata da un alleanza tra agricoltori, ambientalisti e consumatori. Ora la nuova commissione e il nuovo parlamento europei dovranno dare una risposta chiara ed efficace con una norma che dica stop al cibo anonimo e garantisca un'onesta etichetta di origine per tutti i prodotti agroalimentari. Su questo abbiamo chiesto l'impegno del premier Conte e della Ministra Bellanova ma anche del presidente del Parlamento Europeo Sassoli."