Pedofilia, in Chiesa Usa netto aumento di denunce nel 2018-2019

Ska

Roma, 26 giu. (askanews) - 4.434 denunce di abusi, in deciso aumento rispetto all'anno precedente, 37 denunce di minorenni, oltre 2.6 milioni di accertamenti sui trascorsi del personale ecclesiastico e laico dipendente dalla Chiesa. Sono alcune delle cifre contenute nel 17esimo Rapporto annuale presentato dal Segretariato per la protezione dei bambini e dei giovani della Conferenza episcopale degli Stati Uniti (Usccb) sui casi di abuso e sull'attuazione della cosiddetta "Carta di Dallas" varata dai vescovi americani nel 2002 in risposta al primo emergere dello scandalo pedofilia.

Se la maggior parte degli abusi sono avvenuti in tempi passati, "delle 4.434 denunce, 37 coinvolgono persone che sono attualmente minorenni, il che rende chiaro che l'abuso sessuali dei minori nella Chiesa non una cosa del passato ma continua ad essere un problema che richiede unanime attenzione ed impegno dei vescovi", si legge nel rapporto. "Fallimenti al riguardo rendono pi difficile alimentare una cultura della incolumit nella quale i laici possono fidarsi che i bambini saranno al sicuro nelle scuole e nelle parrocchie".

Il nuovo rapporto basato sugli audit condotti dalla StoneBridge Business Partners, conosciuto studio legale con sede a Rochester, nello Stato di New York, e comprende anche un'indagine compiuta dal Cara, il Centro di ricerca per l'apostolato della Georgetown University. (Segue)