Pedofilia, Vaticano: conservare in archivio motivo di no processo

Ska
·1 minuto per la lettura

Citt del Vaticano, 16 lug. (askanews) - Se un vescovo decide di non sottoporre a processo un prete accusato di pedofilia perch arriva alla conclusione che la denuncia non sia verosimile deve comunuqe "conservare la documentazione insieme a una nota nella quale illustrare le ragioni della decisione". E' la raccomandazione del "Vademecum su alcuni punti di procedura nel trattamento dei casi di abuso sessuale di minori commessi da chierici a cura della congregazione per la Dottrina della fede" pubblicato oggi dal Vaticano. Il testo ricorda che la normativa vigente raccomanda che, "ricevuta una notitia de delicto, si svolga un'indagine previa, qualora la notitia de delicto sia 'saltem verisimilis'. Se tale verisimiglianza risultasse non fondata, si pu non dare seguito alla notitia de delicto, avendo cura tuttavia di conservare la documentazione insieme a una nota nella quale illustrare le ragioni della decisione". Inoltre, " consigliabile che l'Ordinario o il Gerarca dia alla CDF (congregazione per la dottrina della fede, ndr.) comunicazione della notitia de delicto e della decisione di soprassedere all'indagine previa per manifesta assenza di verisimiglianza".