Pelé lascia l'ospedale ma continuerà la chemioterapia

·2 minuto per la lettura

AGI - Pelé, considerato da molti il più grande calciatore della storia, è stato dimesso dal centro medico di San Paolo dove è stato ricoverato per un mese e sarà sottoposto a un trattamento di chemioterapia, ha detto l'ospedale.

Edson Arantes do Nascimento, 80 anni, "è stato dimesso dall'ospedale Israelita Albert Einstein giovedì mattina. Il paziente è stabile e continuerà la chemioterapia dopo l'intervento chirurgico per rimuovere un tumore all'intestino il 4 settembre", ha detto l'ospedale in un comunicato. L'ospedale non ha fornito ulteriori dettagli sul trattamento chemioterapico.

Considerato dalla Fifa il più grande calciatore del Ventesimo secolo, una distinzione che condivide con la defunta stella argentina Diego Armando Maradona, Pelé ha evitato la vita pubblica negli ultimi anni. Con l'arrivo del Covid-19, che ha lasciato quasi 600.000 morti in Brasile, il campione brasiliano si è isolato nella sua casa di Guarujá, alla periferia di San Paolo.

Sui suoi social network ricorda spesso le sue imprese, sostiene la 'Selecao' e il Santos - le due maglie con cui ha trionfato -, promuove la vaccinazione contro il coronavirus e si congratula persino con chi batte i suoi record, come Messi. All'inizio dell'anno la sua eredità è stata riportata alla ribalta dall'uscita di un documentario sulla sua vita, rilasciato sul Netflix. In una delle sue prime apparizioni nel film, lo si vede muoversi lentamente con l'aiuto di un deambulatore. 

Pelé, che compie 81 anni il 23 ottobre, è stato ricoverato più volte in ospedale negli ultimi tempi per vari problemi di salute. L'ultimo è stato nel 2019, quando è stato ricoverato a Parigi e trasferito a San Paolo per farsi rimuovere un calcolo renale. Nel 2014 'O Rei' è stato in terapia intensiva dopo che un'altra infezione del tratto urinario lo ha costretto a sottoporsi alla dialisi del rene sinistro, superstite dopo che il suo rene destro è stato rimosso negli anni '70 a causa di un infortunio mentre era ancora un giocatore.

La maglia 10 ha anche subito interventi chirurgici all'anca e alla colonna vertebrale e dal 2012 ha avuto qualche difficoltà a muoversi, anche apparendo in pubblico su una sedia a rotelle in occasione. "Non importa quanto sia grande la sfida. Il segreto è celebrare ogni piccola vittoria lungo la strada", ha scritto mentre era ancora in ospedale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli