Pelosi e i dem in ginocchio per Floyd, presentata riforma polizia

webinfo@adnkronos.com

In ginocchio per otto minuti e 46 secondi. Così Nancy Pelosi, Charles Schumer ed altri esponenti democratici hanno onorato la memoria di George Floyd prima di presentare il pacchetto di drastiche riforme della polizia con cui promettono di affrontare e ridurre la violenza della polizia. La cerimonia si è svolta in un luogo evocativo, l'Emancipation Hall del Campidoglio, dove una ventina di democratici, che indossavano sciarpe di tessuto africano, sono rimasti in silenzio, inginocchiati, per stesso tempo in cui il poliziotto bianco di Minneapolis ha tenuto il ginocchio premuto sul collo di Floyd. "Vedete per quanto tempo il ginocchio è stato tenuto sul collo", ha detto la Speaker della Camera al termine del lungo silenzio. 

"Sembra un tempo insopportabilmente lungo, così doloroso avere anche una minima idea di quello che quest'uomo e così tanti neri americani hanno sofferto per così tanto tempo" le ha fatto eco il leader dem al Senato. Nel pacchetto presentato dai democratici, varie proposte avanzate dal Congressional Black Caucus, tra le quali la messa al bando della stretta al collo e l'istituzione di un database nazionale per raccogliere tutti i comportamenti scorretti della polizia.  

Nel presentare poi la proposta di legge, Pelosi ha sottolineato come questo "momento di angoscia nazionale si sta trasformando in un movimento di azione mentre gli americani manifestano pacificamente in tutto il Paese chiedendo di mettere fine all'ingiustizia". 

"Non possiamo accontentarci di nessuna cosa che non sia un cambiamento strutturale ed è per questo che il Justice in Policing Act - ha aggiunto riferendosi alla proposta di legge per la giustizia nell'azione di polizia - rimuoverà impedimenti all'incriminazione per comportamenti scorretti della polizia". Pelosi ha anche sottolineato come si voglia affrontare la dottrina della "quality immunity", che in molti casi protegge gli agenti da ricorsi civili. 

La proposta di legge poi prevede l'obbligo di munire macchine e divise della polizia di telecamere, la demilitarizzazione dei dipartimenti di polizia limitando la possibilità di avere accesso ad armi di livello militare, la fine del "racial profiling", cioè la possibilità di fermare o inquisire qualcuno solo in base alla sua razza. Pelosi ha chiesto al leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell di avviare velocemente l'iter al Senato della legge una volta che sarà approvata alla Camera a maggioranza democratica.