Pemiati alla Sapienza vincitori Certamen Latinum “Nova Humanitas”

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 giu. (askanews) - L'Aula Odeion nel Museo dell'Arte classica della Sapienza, dove sono esposti i calchi in gesso delle più celebri sculture greche dal periodo arcaico all'ellenismo, ha fatto da sfondo alla premiazione dei vincitori della IV e V edizione del Certamen Latinum "Nova humanitas" che torna quest'anno in presenza. La competizione di composizione latina, espressa sia in prosa che in poesia e promossa dall'area didattica di Lettere classiche della Sapienza, è riservata agli studenti dei licei e delle università italiane e straniere. L'evento si è aperto con la premiazione degli autori dei migliori componimenti tra i partecipanti alle ultime due edizioni. A consegnare l'ambita pergamena è stata la rettrice Antonella Polimeni.

La Commissione, presieduta da Leopoldo Gamberale e composta dai docenti Paolo Garbini, Michelina Panichi, Michela Rosellini e Francesco Ursini, ha conferito il premio per la IV edizione (2019-2020) a Gabriele Bonini, allora studente di Liceo, che ha interpretato in modo originale e spiritoso il tema proposto, una citazione di Seneca per cui mangiare e bere da soli, senza la compagnia degli amici, è "vita da lupi e da leoni". Bonini scrive un'immaginaria lettera di protesta che il sindacato dei lupi e dei leoni invia a Seneca, nella quale si sostiene che gli animali si rivelano, talora, migliori degli esseri umani.

Il premio per la V edizione (2020-2021), sul tema del "vivere giorno per giorno" suggerito da una citazione di Orazio, è stato conferito invece al componimento Epistula Aurorae Tithono di Lorenzo Salerno, allievo della Scuola Normale Superiore, che ha composto una lettera di 146 versi in distici elegiaci a imitazione delle Heroides di Ovidio, nella quale Aurora scrive al marito Titono ormai vecchio, sordo e dalla mente indebolita, per il quale aveva chiesto a Giove l'immortalità, dimenticando però di chiedere anche l'eterna giovinezza e condannandolo così a un progressivo, inesorabile deperimento.

Al termine della premiazione si è tenuta la Lectio magistralis di Leopoldo Gamberale, emerito della Sapienza, studioso di Letteratura latina.

A conclusione della manifestazione il musicista Paolo Fattorini si è esibito in un concerto rock con nove composizioni (SuB- *Sacred Experience Music* _PostRock ) in latino classico. In programma : Progressus Mater, Inconscium, Salubre est,minime Interest,vita pulsati est, Sústine impetum, Amor caret (in esclusiva nuovo brano), Solum in nobis stat

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli