Pena di morte: a Roma scende in piazza Resistenza iraniana, D'Elia 'abbiamo aderito'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 ott. (Adnkronos) – Alla vigilia della Giornata mondiale ed europea contro la pena di morte, la Resistenza Iraniana scende in piazza nella Capitale per manifestare la sua ferma opposizione alle pena Capitale. La manifestazione. prevista oggi dalle 14 a piazza dell'Esquilino tra l'obelisco e via Cavour, vedrà tra i partecipanti anche gli attivisti di Nessuno Tocchi Caino. "Abbiamo aderito – racconta all'Adnkronos il segretario Sergio D'Elia – L'Iran, che utilizza la pena capitale come strumento intimidatorio, è al secondo posto dopo la Cina sul podio delle esecuzioni capitali, primo se si considera il rapporto tra popolazione ed esecuzioni"

"Il regime dei mullah è basato sulla violenza in ogni campo ed in ogni occasione. La dittatura religiosa al potere in Iran da decenni è al primo posto sul podio delle esecuzioni capitali. Tant’è il mullah con il carico del presidente della Repubblica del regime è tra responsabili principali dell’eccidio dei 30.000 prigionieri politici dell’estate 1988", afferma l'Unione delle Associazione iraniane residenti in Italia sostenitori del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli