Pena morte, a Singapore impiccate due persone per traffico droga

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 lug. (askanews) - La città-stato asiatica di Singapore ha giustiziato oggi per impiccagione due persone - un cittadino malaysiano e uno di Singapore - condannate per traffico di droga. Lo segnala il South China Morning Post.

Dall'inizio dell'anno le esecuzioni nella città-stato, che ha una normativa penale draconiana, sono già state quattro, dopo che si era decisa una pausa nelle esecuzioni tra il 2020 e il 2021 a causa della pandemia.

I due giustiziati sono il malaysiano Kalwant Singh e il singaporegno Narasharee Gous, che sono stati impiccati presso la prigione di Changi.

Le loro famiglie sono state chiamate a ritirare i certificati di morte e gli effetti personali, secondo quanto ha dichiarato l'attivista contro la pena di morte Kirsten Han.

I legali di Singh, 32 anni e portatore di una disabilità psichica, avevano presentato all'ultimo momento istanza alla corte suprema per fermare l'esecuzione, ma non hanno avuto riscontro positivo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli