Penalisti: con sciagurata riforma prescrizione in gioco diritti primari

Bla

Roma, 18 ott. (askanews) - Con la "sciagurata" riforma della prescrizione "è in gioco, molto semplicemente, il diritto di ogni persona, sia essa imputata o persona offesa, a non rimanere in balia della giustizia penale a tempo indeterminato, secondo le capacità o l'arbitrio dello Stato - e per esso dell'Autorità Giudiziaria- di definire il processo penale che la riguardi". Lo ha detto il presidente dell'Unione delle Camere Peneali, Gian Domenico Caiazza, aprendo il congresso straordinario dell'Ucpi a Taormina, che anticipa la settimana di astensione dei penalisti dalle udienze a partire da lunedì prossimo, 21 ottobre.

"Occorre fare di questa settimana l'occasione per informare la pubblica opinione sulle ragioni della nostra protesta, che ancora una volta si occupa dei diritti primari dei cittadini", ha aggiunto Caizza.

"Occorre svelare l'inganno, la grande truffa informativa alimentata cinicamente dai sostenitori di questa vergognosa riforma. La nostra arma è questa: la verità dei fatti nudi e crudi, che dobbiamo riuscire a contrapporre alla forza violenta e furiosa delle fake news, della comunicazione emotiva, allusiva, viscerale, che vive solo a condizione che la verità non sia narrata e perciò conosciuta", ha detto ancora il presidente dell'Ucpi.