Pensionati estero, Pd: entro 15/2 domande per detrazioni familiari

Pol

Roma, 12 gen. (askanews) - "Tempi abbastanza brevi per la presentazione della domanda per ottenere le detrazioni per carichi di famiglia sulle loro pensioni da parte dei titolari di pensione italiana residenti all'estero i quali sono soggetti ad Irpef in Italia. Infatti con riferimento al periodo d'imposta 2018 l'Inps in un suo recente Messaggio (n. 5090 del 20/12/2017) ha precisato che, per i pensionati residenti in Paesi che assicurano un adeguato scambio di informazioni i quali hanno già fruito di detrazioni per carichi di famiglia nel corso del 2017, saranno mantenute le suddette detrazioni se la presentazione della domanda di applicazione annuale sarà effettuata entro il 15 febbraio 2018, fermo restando l'obbligo di comunicare all'Istituto eventuali variazioni nei carichi che si dovessero verificare successivamente in corso d'anno". Lo scrivono Marco Fedi e Fabio Porta, deputato Pd eletto in Australia e deputato Pd eletto in Sud America.

"Come è noto - spiegano Fedi e Porta - l'evoluzione della normativa attualmente in vigore (caratterizzata da sovrapposizioni di leggi, decreti e vari provvedimenti amministrativi) ha portato ad una situazione per cui a partire dal 2016 le detrazioni per carichi di famiglia di cui all'art. 12 del TUIR sono fruibili da parte di tutti i residenti all'estero (titolari di pensioni delle gestioni private, pubbliche, dello spettacolo e sport professionistico erogate in Paesi comunitari ed extracomunitari) in Paesi che forniscono un adeguato scambio di informazioni con l'Italia. È giusto sottolineare che si tratta di un beneficio fiscale concesso dallo Stato italiano ai pensionati italiani residenti all'estero che pagano l'Irpef in Italia grazie all'attività politica e legislativa svolta soprattutto dai parlamentari del PD eletti all'estero". (Segue)