Pensione sicura per i parlamentari, anche con il voto anticipato

·2 minuto per la lettura
ROME, ITALY - OCTOBER 07: (----EDITORIAL USE ONLY â MANDATORY CREDIT -
ROME, ITALY - OCTOBER 07: (----EDITORIAL USE ONLY â MANDATORY CREDIT -

Per i parlamentari la pensione potrebbe essere al sicuro anche se il governo dovesse cadere prima dei fatidici quattro anni sei mesi e un giorno. E non è una questione di casta, piuttosto di sentenze e regolamenti. Lo scrive Francesco Verderami sul Corriere della Sera.

La svolta è dettata da due sentenze emesse dal Consiglio di giurisdizione di Montecitorio e dal Consiglio di garanzia di Palazzo Madama. (...) Questi verdetti sono destinati per certi versi a fare giurisprudenza e potrebbero avere anche un impatto politico , visto che nel Palazzo l’eventuale ritorno alle urne l’anno prossimo viene vissuto — soprattutto dai peones di prima nomina— con grande preoccupazione. Temono di perdere la pensione.

Il verdetto depositato a Palazzo Madama risale al novembre 2020.

In quella occasione il Consiglio di garanzia aveva risposto ad un ricorso di tre ex senatori che non avevano raggiunto i «quattro anni sei mesi e un giorno», e ai quali «in nome del popolo italiano» era stato infine riconosciuto il diritto alla pensione. A una condizione però: che pagassero tutti i contributi dei mesi mancanti, quelli a loro carico e anche quelli a carico dell’amministrazione, in modo che l’operazione fosse «a costo zero» per le casse dello Stato. La sentenza del Senato intendeva sanare la «difformità di trattamento» rispetto ai parlamentari europei e rispetto anche ai deputati della Camera.

Il giudizio del Consiglio di giurisdizione di Montecitorio è dell’ottobre 2019.

Allora il collegio guidato dal democratico Alberto Losacco aveva messo in mora i regolamenti sul sistema previdenziale, accogliendo il ricorso di dieci ex deputati che erano subentrati ad altri parlamentari nel corso della legislatura e che non avevano potuto maturare la pensione, pur pagando i contributi.

Conclude Verderami.

Sulla base di queste pronunce tra loro separate, la politica potrà fare ora il proprio corso, con la garanzia che — anche se la legislatura dovesse terminare anticipatamente — nessuno perderebbe i propri diritti.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli