Pensioni, da governo piano da 300 milioni. Cgil: "Proposte insufficienti"

Alessandro Banfo
Roma, manifestazione di Ugl pensionati

Per la stretta di mano finale, se avverrà davvero, c'è tempo fino a sabato, ma le distanze sulla previdenza rimangono nonostante un pacchetto da ben 300 milioni. L'esecutivo ha di fatto aperto ai sindacati sui requisiti relativi l'innalzamento dell'età pensionabile dovuto all'aumento dell'aspettativa di vita, con la la Cigil che ha comunque parlato di "risposte insufficienti".

Dopo il nuovo tavolo tecnico di lunedì mattina, nel pomeriggio a Palazzo Chigi è andato in scena un incontro con i big in campo: da un lato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan e il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, dall'altro i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo.

Il premier ha illustrato, secondo quanto si è appreso, un "pacchetto di proposte innovative rispetto al punto di partenza frutto degli incontri tecnici" con 7 punti con un "impegno finanziario cospicuo per sette misure che valgono circa 300 milioni di euro". Tra questi spiccano l'esenzione dell'adeguamento all'aspettativa di vita per 15 categorie di lavori gravosi (e si tratta di una conferma), una commissione che studi la gravosità delle occupazioni che valuti la classificazione tra previdenza ed assistenza ai fini di una migliore separazione e la revisione meccanismo di calcolo dell'aspettativa di vita sulla base della media e non delle differenze di picco.

"Credo che sia stato fatto un buon lavoro. Nelle condizioni date,il Governo mette in campo un impegno finanziario importante. Ci sono le condizioni per dare un messaggio positivo al Paese, mi auguro che si possano concretizzare", ha aggiunto Gentiloni. E se Padoan ha sottolineato come "sospendere il meccanismo dell'aspetattiva di vita avrebbe un doppio costo: uno sui conti pubblici e uno sui mercati finanziari internazionali", Poletti dà a tutti l'appuntamento per il nuovo rendez-vous a sabato mattina alle 10 ma avvisa: "Abbiamo ribadito le proposte costruite nel lavoro di questi giorni, a partire dalla convinzione nel Governo che il collegamento tra età pensionabile e aspettativa di vita sia un pilastro del sistema previdenziale, e che quindi vada salvaguardato".

CAMUSSO CRITICA. Non ci sta però Camusso, secondo la quale sull'aspettativa di vita le proposte e la platea degli esentati da quota 67 anni avanzate dal governo "sono insufficienti. Le distanze sono ancora molto significative". Forse più ottimista la collega Furlan: "Alcune proposte del governo sono molto buone, coerenti con alcune questioni importanti che avevamo rilevato; altre vanno corrette e precisate; altre mancano". Si tratterà ancora per cinque giorni: i sindacati avranno il testo dettagliato dal governo e puntano ad allargare la platea dei lavori gravosi inserendosi nelle pieghe della Legge di Bilancio al vaglio in Senato prima e alla Camera poi.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità