Pensioni, Inps: 'Con inflazione 8% +24 mld spesa in 2023, in 10 anni disavanzo a 92mld'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 lug. (Adnkronos) – La corsa dell'inflazione che nel 2022 potrebbe toccare il +8% potrebbe costare all'Inps un aggravio di spesa pensionistica per il prossimo anno di 24 mld di euro. La stima è dei tecnici Inps nel presentare il XXI Rapporto dell'Istituto guidato da Pasquale Tridico. Una tendenza che potrebbe far segnare, sulla base dei dati al primo gennaio 2020 al netto della crisi da pandemia e della guerra, un disavanzo patrimoniale dell'Istituto di 92 miliardi. "Non esiste un problema di sostenibilità quanto piuttosto un alert che segnala come serva crescita economica e produttività per un sistema in equilibrio", spiegano gli economisti Inps.

In generale, si legge nella Rapporto, le pensioni di anzianità/anticipate, vecchiaia, invalidità e superstite, assorbono il 92% della spesa, mentre le prestazioni assistenziali, ovvero le prestazioni agli invalidi civili e le pensioni e gli assegni sociali, il restante 8%. La voce che incide di più sulla spesa sono le pensioni di anzianità/anticipate con il 56% del totale, seguite dalle pensioni di vecchiaia che assorbono il 18% e dalle pensioni ai superstiti che assorbono il 14%. Le prestazioni agli invalidi civili rappresentano il 7% del totale; per ultime ci sono le pensioni di invalidità e le pensioni e assegni sociali che rappresentano rispettivamente il 4% e il 2%

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli