Pensioni, Più Europa: sì a sistema contributivo e flessibile per tutti

Pol/Gal

Roma, 30 gen. (askanews) - "La proposta fatta all'Italia dal FMI di introdurre un sistema flessibile di pensionamento con il ricalcolo contributivo degli assegni previdenziali è una idea di piena equità intergenerazionale: significherebbe dare a tutti i lavoratori - anche ai più anziani - le stesse regole contributive che varranno per chi ha iniziato a lavorare dopo il 1995 e consentirebbe al singolo lavoratore di scegliere con maggiore serenità se lavorare un anno in più o in meno, percependo poi la pensione sulla base dei contributi pagati nel corso della carriera". Lo dichiara Piercamillo Falasca, vicesegretario di Piu Europa.

"Opporsi bollandola come 'bagno di sangue', come fa Domenico Proietti della UIL, significa dire che il supposto bagno di sangue è giustificato solo per i lavoratori più giovani che avranno una pensione solo contributiva, ma non per i più adulti che hanno il sistema misto. Curiosa idea di difesa dei lavoratori hanno alcuni sindacalisti", conclude.