Pensioni: ricerca, italiani hanno aspettative irrealistiche

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 3 mag. (Adnkronos) – Gli italiani hanno aspettative irrealistiche sulla pensione, tanto che il 76% vorrebbe poter smettere di lavorare prima dell'età della pensione e i ventenni vorrebbero avere l'assegno a 55 anni. Lo svela una ricerca a cura di Moneyfarm e Progetica. Il 30% dei cinquantenni, intanto, non ci ha mai neanche pensato. Tra coloro che invece pensano a quando vorrebbero andare in pensione, il 29% indica 60 anni; tra chi dichiara di sapere quando andrà in pensione, un terzo dice 67 anni; i ventenni vorrebbero poter smettere di lavorare addirittura a 55 anni. I 70 anni come età probabile sono indicati da un numero molto esiguo di persone.

Un buon numero di persone, il 32%, dovrà lavorare fino a 5 anni in più rispetto alle proprie attese; il 26% dovrà lavorare tra 6 e 10 anni in più rispetto alle attese; il 17% addirittura oltre 10 anni in più.

Secondo la ricerca, solo per il 18% dei casi desideri – quando vorrei smettere di lavorare – e realtà percepita – quando potrò davvero andare in pensione – coincidono, tanto che il 76% vorrebbe poter smettere di lavorare prima dell’età della pensione. L'ottimismo si smorza sull'ammontare dell'assegno: solo un 3% pensa che avrà una pensione più alta dei propri desideri; per il 90% la pensione sarà più bassa rispetto ai desideri. Il dato "allarmante", secondo Moneyfarm, è che 5 persone su 10 non sanno quanto percepiranno di pensione.