Pensioni: Serracchiani (Pd), 'concentrarsi su salvaguardia categorie più svantaggiate'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 ott (Adnkronos) – "Quota 100 è stato un sistema iniquo e dispendioso, che ha comunque dato una risposta ad alcuni lavoratori. Ora si tratta di evitare che al suo scadere vi sia uno scalone improvviso di cinque anni. Noi crediamo che ci si debba concentrare anzitutto su un principio di gradualità e sulla salvaguardia delle categorie più svantaggiate". Lo dice Debora Serracchiani, capogruppo del Pd alla Camera.

"Rafforzare ed estendere Ape sociale e confermare Opzione donna consente di mandare in pensione prima chi ne ha realmente bisogno come le persone che svolgono lavori gravosi o usuranti e, appunto, le donne che sono i soggetti storicamente più penalizzati dal punto di vista previdenziale: per le donne disoccupate con figli inoltre sarebbe una misura di equità l’abbassamento dei requisiti previsti per il pensionamento, che per la pensione di vecchiaia sarebbe a 67 anni di età", spiega Serracchiani.

"E dobbiamo occuparci anche dei giovani, destinati ad andare in pensione con trattamenti da fame. Su una materia tanto delicata è necessario che si trovi un’intesa tra governo e parti sociali e che pertanto il dialogo non si interrompa", conclude la capogruppo Pd.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli