Pepsico annuncia l'impegno 'Net water positive'

·1 minuto per la lettura

PepsiCo annuncia l’obiettivo di diventare "Net Water Positive" entro il 2030, reintegrando più acqua di quella utilizzata dall'azienda, il che la collocherebbe tra i produttori di alimenti o bevande più efficienti dal punto di vista idrico, operanti in bacini idrografici ad alto rischio.

Con l'accesso all'acqua potabile, componente fondamentale del programma olistico per la gestione dell'acqua, PepsiCo Foundation sta inoltre lanciando un nuovo programma da 1 milione di dollari con la principale Ong e partner a lungo termine WaterAid, per portare acqua potabile alle famiglie nell'Africa Sub-Sahariana, ampliando le iniziative portate avanti con più di 53 milioni di dollari da 15 anni, che garantiscono l'accesso all'acqua potabile in oltre 20 paesi e che hanno aiutato più di 59 milioni di persone dal 2006.

“Il tempo stringe perché il mondo intervenga sull’acqua. L'acqua non è solo una componente necessaria del nostro sistema alimentare, è un diritto umano fondamentale e la mancanza di acqua potabile e pulita nel mondo è uno dei problemi più urgenti che la nostra comunità globale deve affrontare oggi" - afferma Jim Andrew, Chief Sustainability Officer di PepsiCo - La scarsità d'acqua è direttamente collegata alla crisi climatica e noi di PepsiCo crediamo che uno sforzo globale per essere “Net Water Positive” sia essenziale. Siamo concentrati non solo sull’assicurare che le persone in tutto il mondo abbiano accesso a questa risorsa vitale, ma anche sul dare priorità alla gestione dell'acqua in ogni nostra operazione".

Nuovi obiettivi guideranno un'azione operativa tangibile verso l'ambizione "Net Water Positive" di PepsiCo di ridurre l'uso assoluto di acqua e reintegrare nel bacino idrico locale oltre il 100% dell'acqua utilizzata nei siti di proprietà dell'azienda e delle aree ad alto rischio di terzi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli