Per 58% italiani nostro Ssn è di qualità, indagine Ipsos

(Adnkronos) - La maggioranza degli italiani, il 58%, apprezza la sanità pubblica del nostro Paese, ritenendola di "buona qualità" (50%) o di "ottima qualità" (8%). Inoltre, il 54% ritiene che la spesa sanitaria dell'Italia per ciascun abitante sia "pari o inferiore" (37%) o "molto inferiore" (17%) rispetto alla media europea, mentre il 25% ritiene sia "superiore" e il 21% "molto superiore". E' quanto emerge da un'indagine Ipsos commissionata da Amref, condotta tra l'11 e il 17 ottobre su un campione di 800 persone rappresentativo della popolazione italiana, di cui Adnkronos Salute anticipa il capitolo dedicato all'aspetto sanitario.

"Sebbene in confronto ad altri Paesi del G7 la spesa sanitaria pubblica dell'Italia sia più bassa, non possiamo dimenticare l'importanza del nostro sistema sanitario nazionale. Un sistema basato sui principi di universalità, uguaglianza ed equità", commenta Guglielmo Micucci, direttore di Amref Health Africa-Italia. "Partendo da questi principi, è molto interessante guardare qual è la percezione dell'opinione pubblica sul tema della salute e del suo accesso in Italia. Perché, come organizzazione sanitaria africana, abbiamo negli occhi i sistemi fragili dei Paesi in cui operiamo. Sistemi respingenti, per chi non ha un'assicurazione, e sistemi che ancora oggi non investono abbastanza a livello di salute pubblica".

L'indagine dal titolo 'Africa e Salute: l'opinione degli italiani' - che sarà diffusa integralmente nei prossimi giorni - affronta altre tematiche di stretta attualità, quali il rapporto tra ambiente e salute; le priorità internazionali che il nuovo governo dovrebbe considerare; il tema dei vaccini e l'impegno dei Paesi ad alto reddito nei confronti dei Paesi a basso e medio reddito; le minacce percepite dagli italiani a causa del cambiamento climatico.