Per due anni la Gran Bretagna mette un tetto alle bollette. Truss: "È il momento di essere audaci"

no credit

AGI - La neo premier britannica Liz Truss ha annunciato il suo piano per affrontare il caro-energia: le famiglie pagheranno non più di 2.500 sterline all'anno di bollette per due anni, a partire dal 1 ottobre. Questo permetterà a una famiglia tipo di risparmiare un migliaio di sterline all'anno.

L'approccio del nuovo governo britannico è "pro-crescita, affari e investimenti" , ha spiegato Truss illustrando le misure ai Comuni.  Rispondendo ai laburisti che hanno suggerito una tassa sugli extraprofitti, la nuova leader dei Tory ha respinto l'idea, sottolineando che "minaccerebbe l'interesse nazionale", abbattendo la fiducia degli investitori nel Regno Unito.

I will deal hands-on with the energy crisis.

Today I will take action to make sure people are not facing unaffordable energy bills and to secure our future energy supply. pic.twitter.com/qHMKad92Sb

— Liz Truss (@trussliz) September 8, 2022

Il governo britannico, inoltre, concederà nuove licenze per petrolio e gas già la prossima settimana, che dovrebbe portare a oltre 100 nuove concessioni. "È il momento di essere audaci: siamo di fronte a una crisi energetica globale e non ci sono opzioni a costo zero".

Truss, infine, ha confermato che porrà fine alla moratoria al fracking sulle "nostre enormi riserve di scisto che potrebbero far circolare il gas in appena sei mesi". La misura verrà attuata solo "dove c'e' sostegno locale".