Per estate 2021 è già boom prenotazioni case su italianway.house

·3 minuto per la lettura
Per estate 2021 è già boom prenotazioni case su italianway.house
Per estate 2021 è già boom prenotazioni case su italianway.house

Roma, 16 mar. (Labitalia) – La voglia di tornare a viaggiare non appena le restrizioni si allenteranno insieme a una ritrovata fiducia a fronte di una sistematizzazione delle campagne vaccinali, in Italia come nel resto d’Europa, spingono le prenotazioni per l’estate 2021. Complice la possibilità della cancellazione gratuita e la speranza di spostarsi dalla propria residenza per un soggiorno di diverse settimane all’insegna del sempre più radicato trend dell’'holiday working', Italianway (), primo player italiano degli affitti brevi per numero di immobili contrattualizzati e destinazioni attivate, si prepara a una nuova estate all’insegna del turismo di prossimità con oltre 1.800 tra appartamenti, chalet, dammusi, trulli, ville e residenze d’epoca contrattualizzati in tutta Italia, 1.400 già prenotabili direttamente su italianway.house.

E per facilitare ulteriormente la ricerca, ha appena inserito sul suo portale due nuove aree dedicate all’'Holiday working' e alle 'Case da sogno'. La prima ospita case nelle Langhe, nel Bormiese, in Liguria, Sardegna o Sicilia, adatte a soggiorni di diverse settimane all’insegna del giusto mix tra lavoro e relax, soprattutto nei periodi maggio-giugno e settembre- ottobre, con caratteristiche ben precise: spazi interni ampi, luminosi e ben suddivisi, wi-fi veloce e altrettanto grandi giardini, dehor, terrazze e – richiestissimo – il barbecue.

La seconda nuova area del portale, invece, accoglie soluzioni particolarmente suggestive per la bellezza degli alloggi e delle scelte architettoniche: dallo chalet nel bormiese all’attico ad Ortigia, dalla residenza d’epoca sul Conero a una casa di pregio sull’Argentario, da una villa con piscina a Castellammare del Golfo a quelle con grandi terrazzi ad Ostuni o Arzachena.

“Nel solo mese di febbraio 2021 – fa sapere l’ad di Italianway, Marco Celani – abbiamo raccolto oltre 1,2 milioni di prenotazioni, con tariffe di vendita da 49 a 2.000 euro a notte, a cui vanno però stornate le cancellazioni, quasi il 12%, collegate alla mancata apertura della stagione sciistica e alle restrizioni sugli spostamenti. In ogni caso, un vero e proprio boom incoraggiato dall’introduzione della cancellazione gratuita. La ripresa è a portata di mano ma tutto dipenderà dall’andamento dell’epidemia e dal protrarsi o meno delle restrizioni”. E al 15 marzo 2021 il pickup, ovvero il valore delle prenotazioni prese da Italianway per tutto il 2021, ha già superato il valore del primo trimestre 2020 (circa 1,9milioni di euro). Le persone cercano case belle, in destinazioni anche rurali o comunque fuori dai grandi centri affollati ma soprattutto sicure. E cercano flessibilità: “L’aver creato per primi nel 2020 il filtro di ricerca 'disinfezione garantita' – aggiunge Celani – ci ha premiato come la scelta, nelle ultime settimane, di introdurre la cancellazione gratuita e la prenotazione rimborsabile”.

Il 57% delle prenotazioni raccolte dal 1° gennaio al 15 marzo 2021 è stato effettuato da Millennials che hanno scelto prevalentemente località di mare: Puglia e Sardegna le più gettonate ma in generale hanno ricevuto prenotazioni tutte le case adatte a un soggiorno all’insegna di mare e sole: dal Salento ai Trulli, dai dammusi di Pantelleria alle tipiche case in stile lampedusano, dalle antiche dimore di Sirolo a tutta la costa ligure. Il resto delle prenotazioni sono arrivate da over 55 italiani che preferiscono destinazioni secondarie poco affollate nell'entroterra toscano o sardo, oppure in Valtellina, sui Laghi di Como e d’Iseo, nelle Langhe e in località come San Benedetto del Tronto o Termoli che stanno facendo registrare dei veri exploit.

Complici le campagne di vaccinazione che all’estero procedono più speditamente che a casa nostra e il fatto che l’Italia è sempre al centro del 'wishful thinking' dei viaggiatori di tutto il mondo, analizzando il volume del traffico registrato dal portale italianway.house, l’Ufficio Studi della prop-tech guidata da Marco Celani fa sapere che il sito ha ricevuto visite da ben 188 paesi. Olandesi, francesi, tedeschi, svizzeri ma anche indiani e russi non vedono l’ora di tornare a visitare le città d’arte italiane. Inglesi, israeliani e americani invece hanno già prenotato: Firenze, Roma, Milano, Napoli ma anche Bologna tra le Top destination.