Per fare l'elemosina i mendicanti di Eskilstuna devono comprare una licenza

La città svedese di Eskilstuna, a ovest di Stoccolma, è diventata la prima del Paese scandinavo a esigere il pagamento di una licenza per poter chiedere denaro in strada, una misura progettata per porre fine all'accattonaggio. Coloro che vogliono fare i mendicanti a Eskilstuna, un comune di poco piu' di 100.000 abitanti, a partire da questo mese devono fare domanda online o presso una stazione di polizia, che costa 250 corone svedesi (23,3 euro) e resta valida per un massimo di tre mesi, oltre a mostrare un documento di identità.

Il chiedere denaro senza autorizzazione nelle aree della città incluse nel regolamento - centro, aree commerciali e strutture sportive all'aperto, tra gli altri - sarà sanzionato con multe. "È difficile sapere quale sarà il risultato, stiamo cercando nuovi modi per burocratizzare e ostacolare l'attività" di accattonaggio, ha detto il sindaco socialdemocratico Jimmy Jansson alla televisione pubblica svedese.

L'introduzione di questo regolamento comunale ha suscitato critiche da parte di diverse organizzazioni sociali che ritengono che l'accattonaggio sia criminalizzato. "Non si tratta di perseguitare le persone, ma di invocare la grande domanda: pensiamo che dobbiamo normalizzare l'accattonaggio nella società di welfare svedese? Non vedo la stessa energia nel criticare il fatto che ci sono persone che sono costrette a chiedere che nel criticare i nostri tentativi di stabilire regole ", ha detto Jansson.

Secondo i media locali, la polizia di Eskilstuna ha finora ricevuto otto domande per ottenere l'autorizzazione. I regolamenti sono stati adottati nel maggio dello scorso anno dal governo locale, composto da socialdemocratici, liberali e conservatori, ma la loro entrata in vigore è stata ritardata quando è stata presentata una denuncia dinanzi ai tribunali amministrativi.