Per Fontana il decreto sul coronavirus è da correggere

Fabio Florindi

Un primo passo nella giusta direzione, ma il nuovo decreto del governo sul coronavirus va corretto. Questa la posizione espressa oggi dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, dopo l'annuncio di ieri del premier Giuseppe Conte di un nuovo decreto per contrastare la diffusione del coronavirus.

"Ci sono alcune discrasie, alcune cose che vanno corrette, ma il dialogo con il governo prosegue per cercare di migliorare ulteriormente il documento", ha spiegato il governatore. Insomma, "si poteva fare di più" ma "comunque credo che con questo provvedimento qualche passo avanti si sia fatto".

Per Fontana, "dopo una attenta valutazione del testo del Dpcm, anche con i sindaci dei capoluoghi e con Anci, bisogna risolvere alcuni temi ancora irrisolti, a partire dalla sicurezza dei lavoratori impegnati nelle filiere produttive lasciate operative dal decreto". La battaglia contro il Covid-19 è tutt'altro che vinta: "L'evoluzione epidemiologica continua - conclude il presidente lombardo - i numeri non li abbiamo ancora definitivi ma da qualcosa che ho visto prima in Unità di crisi l'evoluzione epidemiologica continua".