Per Gimbe dalla prossima settimana inizierà la discesa dei contagi

·1 minuto per la lettura

AGI - "Siamo quasi al picco dell'ondata, la prossima settimana dovremmo scendere, verosimilmente ma avremo ancora un mese di circolazione elevata del virus". Lo dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, Nino Cartabellotta presidente della fondazione Gimbe.

Per ora, per la settimana 12-18 gennaio 2022, si registra una stabilizzazione del numero di nuovi casi (1.243.789 vs 1.207.689) e un aumento dei decessi (2.266 vs 1.514). Crescono anche i casi attualmente positivi (2.562.156 vs 2.134.139), le persone in isolamento domiciliare (2.540.993 vs 2.115.395), i ricoveri con sintomi (19.448 vs 17.067) e, in misura minore, le terapie intensive (1.715 vs 1.677).

L'incidenza supera i 2.000 casi per 100.000 abitanti in 58 province. L'83,7% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino e il 79,6% ha completato il ciclo vaccinale. negli ultimi 7 giorni, stabili le nuove vaccinazioni nella fascia 5-11 (240.920) che rappresentano quasi metà delle prime dosi. Ancora scoperte 8,1 milioni di persone di cui oltre 2 milioni di over 50 ad elevato rischio di malattia grave e ospedalizzazione. Terze dosi: tasso di copertura al 70,8% con nette differenze regionali.

"Nell'ultima settimana - dichiara Cartabellotta - si è registrata una sostanziale stabilizzazione dei nuovi casi intorno a quota 1,2 milioni, con un incremento del 3% rispetto alla settimana precedente e una media mobile a 7 giorni che passa da 174.576 del 12 gennaio a 177.652 il 18 gennaio (+1,8%). Una frenata nazionale della curva che risente di situazioni regionali molto diverse".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli