Per gli studiosi la curva in Sicilia sta rallentando: "Luce in fondo al tunnel"

·1 minuto per la lettura
coronavirus rallentamento curva
coronavirus rallentamento curva

Come confermato anche dall’ultimo report dell’ISS, che vede la riduzione dell’Rt come di un primo possibile segnale di efficacia delle misure restrittive, diversi esperti vedono una luce in fondo al tunnel e parlano, in particolare in relazione alla Sicilia, di un rallentamento della curva dei contagi.

Rallentamento della curva in Sicilia

A esprimere le sue considerazioni è stato Renato Costa, commissario per la gestione dell’emergenza coronavirus nella provincia di Palermo, citando lo studio di Paolo Castorina, professore dell’Istituto nazionale di Fisica nucleare di Catania e Daniele Lanteri, docente del dipartimento di Fisica dell’Università di Catania.

Il report è tutto incentrato sulla Sicilia e contiene le loro previsioni sull’andamento dell’epidemia fino a fine novembre. “I dati di questa curva raccontano una grande crescita, ma non esponenziale. Notiamo un piccolo rallentamento, dovuto alle prime restrizioni decise a fine ottobre che. se confermato nei prossimi giorni, ci può far presumere che la curva dei contagi diventerà più piatta, con un picco dei positivi fra circa dieci giorni“, hanno spiegato i due esperti.

Gli stessi hanno inoltre notato una timida riduzione dell’incremento di ricoverati giornalieri. Una tendenza che a loro dire va accelerata per ridurre il peso sul sistema sanitario, sottoposto a una pressione fortissima. Parole che hanno spinto il commissario Costa a definirsi cautamente ottimista per l’andamento dei contagi. Parlando di piccoli segnali di speranza che permettono di vedere la luce in fondo al tunnel, ha ribadito come ciò sia dovuto alle limitazioni decise nelle settimane precedenti che hanno portato la Sicilia ad essere dichiarata zona arancione.