Per Guerra i morti sono ancora "tanti, ma ora curiamo meglio i malati"

·1 minuto per la lettura

AGI - "I casi stanno decelerando, ma la curva non ha iniziato a scendere", avverte in un'intervista a la Repubblica il direttore aggiunto dell'Organizzazione mondiale della Sanità Ranieri Guerra. Poi aggiunge: "Servono molti 'se' prima di vedere un calo dei contagi nei prossimi giorni" e solo "se continuiamo a gestire la situazione come negli ultimi 15 giorni e mantenere la disciplina, se evitiamo di fare gli scemi come in estate e se permane la pace politica e amministrativa raggiunta tra i vari livelli dell'ordinamento, vedremo presto la flessione della curva". Solo a queste condizioni "poi potremo iniziare a parlare di riapertura" ma "se avremo una terza ondata o vari piccoli marosi dipenderà da noi".

Quanto ai decessi, osserva il direttore aggiunto dell'Oms, " siamo quasi al livello della primavera, ma a fronte di contagi molto più numerosi. Quindi sì, la letalità è nettamente diminuita. Sappiamo trattare meglio i malati anche se non abbiamo una cura decisiva". Poi consiglia: "Il messaggio resta chiaro, Natale con i tuoi, e capodanno pure" perché "non possiamo sacrificare ancora una volta i risultati ottenuti con sangue, sudore e lacrime".