Per il felino non ci sono state ripercussioni

·1 minuto per la lettura
Russia, fermato gatto narcotrafficante
Russia, fermato gatto narcotrafficante

È una storia piuttosto singolare quella del gatto narcotrafficante fermato e perquisitio dalla polizia penitenziaria in Russia: nascondeva droga nel collare.

Russia, fermato gatto “narcotrafficante”

La singolare vicenda giunge dalla Russia, nello specifico dalla colonia penale № 4 di Ivanovo, città della Russia europea centrale. Quando gli agenti lo hanno visto intrufolarsi nell’area circostante alla colonia penale lo hanno immediatamente fermato.

Durante la perquisizione, è bastato poco a scoprire che nel collare che indossava, c’era nascosta la droga, prescisamente più di cinque grammi di marijuana. E così il gatto narcotrafficante è stato fermato e preso in custodia dagli agenti di polizia penitenziaria.

Russia, fermato gatto “narcotrafficante”: portava droga destinata alla colonia penale di Ivanovo

A Ivanovo si trova la struttura penitenziaria dove ci sono numerosi detenuti ai quali è ovviamente vietato l’utilizzo di qualsiasi tipo di sostanza stupefacente. Per questo motivo, spesso accade che vengano utilizzati i gatti come corrieri della droga.

Il loro ingresso è dunque vietato. Tuttavia, questo non ha fermato i detenuti della colonia che hanno evidentemente chiesto della marijuana all’esterno che gli è stata, quasi, consegnata così.

Russia, fermato gatto “narcotrafficante”: la droga era nel collare nascosto nel pelo

All’interno del collare, ben camuffato nel pelo del felino, erano nascosti 5,21 grammi di marijuana. Il “bottino” è stato immediatamente sequestrato. Ora le forze dell’ordine stanno cercando di risalire sia al destinatario del pacco, che ai mittenti. Per il gatto, fortunatamente, non ci sarà nessuna ripercussione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli