Per la prima volta detenuto di Guantanamo descrive le torture della Cia

·1 minuto per la lettura
.. (Photo: ..)
.. (Photo: ..)

Torture e abusi sessuali durante gli interrogatori. Per la prima volta un detenuto di Guantanamo, il carcere antiterrorismo americano a Cuba, parla pubblicamente delle pratiche usate nei cosiddetti ‘Black Site’ della Cia dove, in violazione della normativa ‘Habeas corpus’ venivano condotti ‘interrogatori avanzati’, equiparabili appunto alla tortura.

A parlare è Majid Khan, un ex residente di Baltimora ingaggiato come corriere da al-Qaeda, durante un’udienza in cui i giurati devono decidere sulla sua condanna per crimini di guerra. Khan ha detto di essere stato appeso nudo ad una trave del soffitto, tenuto sveglio per giorni con l’acqua ghiacciata, sottoposto a waterboarding, picchiato, costretto alla fame e abusato sessualmente.

Se condannato, il detenuto rischia fino a 40 anni di carcere. Con un patteggiamento la sentenza potrebbe essere ridotta a 11 anni, ma visto che è in prigione dal 2012, con uno sconto di pena potrebbe essere libero già dall’anno prossimo e trasferito in un altro Paese che non sia il Pakistan, di cui possiede la cittadinanza.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli