Per l'allerta coronavirus ospese le udienze civili non urgenti a Milano

Il presidente del Tribunale di Milano, Roberto Bichi, ha sospeso e rinviato a dopo aprile le udienze civili non urgenti per via della "diminuzione di risorse" del personale a sua disposizione. Di oggi la notizia di due magistrati risultati positivi al test del coronavirus. 

Sono due i magistrati positivi al coornavirus nel Palazzo di Giustizia di Milano. La scelta dei vertici del Tribunale è stata quella di tenere aperte le porte della cittadella giudiziaria, con alcuni accorgimenti precauzionali, come le udienze aperte solo "alle persone strettamente necessarie", che però non sono riusciti a evitare il contagio in un luogo che, ogni giorno, vede mediamente transitare settemila persone tra addetti ai lavori e pubblico. I due magistrati sono ricoverati in buone condizioni all'ospedale Sacco.