Per l'omicidio di Barletta sono stati fermati due giovani

·1 minuto per la lettura

AGI - Un ragazzo di 18 anni e uno di 20 sono stati fermati dai carabinieri per la morte del 24enne Claudio Lasala, accoltellato venerdì notte al termine di una lite cominciata in un locale del centro storico di Barletta. Lasala era morto ieri mattina all'ospedale cittadino, dove i medici avevano tentato di salvargli, inutilmente, la vita.

Il 18enne - ritenuto dagli inquirenti l'esecutore materiale del ferimento - e il 20enne rispondono di omicidio volontario aggravato da futili motivi. A portare i carabinieri, coordinati dalla Procura di Trani, sulle tracce dei due le immagini delle telecamere del centro storico, insieme alle numerose testimonianze delle persone presenti nei luoghi interessati al fatto di sangue. I due ragazzi si chiamano si chiamano Ilyas Abid e Michele Dibenedetto. Entrambi - secondo quanto riferiscono i carabinieri - sono già noti alle forze dell'ordine per reati in materia di stupefacenti.

Ritrovata e sottoposta a sequestro anche l'arma del delitto, un coltello preso nell'area esterna del locale dove è partita la lite con la vittima, sembra addirittura per un cocktail negato. I carabinieri hanno sequestrato, oltre al coltello, anche il locale teatro della lite, poi sfociata nel brutale accoltellamento nei pressi di piazza Castello.

Lasala è stato raggiunto da un'unica coltellata all'addome, che si è poi rivelata mortale. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli