'Per lui la barella c'è?': insulti sui social a Gentiloni dopo il malore

redazione web
Gentiloni dimesso dal Gemelli: presiederà Cdm alle 12

Insulti e polemiche sul web dopo il

malore che ha colpito il presidente del Consiglio Paolo Gentilon

i, e che lo ha costretto a un intervento di angioplastica. Alcuni internauti gli hanno augurato senza troppi giri di parole la morte. Altri di "rimettersi per dimettersi", altri ancora invece si sono rammaricati perché "gli accidenti mandati dagli italiani che hanno votato 'no' al referendum non hanno avuto esito". Pamela arriva a dire di avere "una bottiglia di Champagne che custodisco gelosamente per le grandi occasioni" da stappare in caso di decesso del presidente del Consiglio. In molti hanno fatto riferimento ai fatti di Nola in Campania dove i medici sono stati costretti a curare sul pavimento del pronto soccorso i malati per mancanza di posti letto. "Ma Gentiloni in ospedale lo hanno sdraiato a terra oppure una barella è stata racimolata al volo?", "fosse stato un comune contribuente sarebbe ancora su barella in corridoio ad attendere qualche ineducato medico/paramedico" e "chissà se per lui hanno trovato un letto oppure se è per terra", le considerazioni più ritwittate.

Tanti anche i cinguettii di indignazione verso chi ha augurato il peggio al premier. "Non date visibilità a chi fa ironia o augura la morte a Gentiloni. È quello che vogliono ma non se la meritano. Non si meritano nulla", chiede Filippo. Paola, invece, spiega che "pur non amando questa politica non si può augurare del male alla gente. Spero che guarisca così come tutti gli ammalati". Per un altro utente "non c'è limite alla stupidità dei violenti". Secondo Paolo "gli idioti che scherzano sul male non sono capaci di intendere e volere. E per loro non esiste cura". Amara anche la considerazione di Sabina: "Se il web è davvero lo specchio della nostra società sarebbe meglio ci estinguessimo".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità