Per Provenzano Renzi si è già spostato a destra

·1 minuto per la lettura
Agf (Photo: Agf)
Agf (Photo: Agf)

Per il vicesegretario del Pd Peppe Provenzano, “la responsabilità” dello stop al ddl Zan “va imputata a Iv che alla Camera ha scritto e votato questo testo e al Senato ha fatto altro. Del resto - dice in un’intervista alla Stampa - abbiamo assistito a vari segnali di fumo lanciati verso la destra in vista delle manovre per il Colle. Adesso hanno compiuto un passo in un altro campo. E lo abbiamo visto in Sicilia dove Iv ha siglato un accordo con Micciché: più chiaro di così...”.

E aggiunge:

“C’è un’area che non va più chiamata moderata o liberale o riformista, ma che si rivela solo manovriera. E poi Forza Italia è sempre più subalterna a una destra estrema che c’è in tutta Europa, che si nasconde dietro valori come la famiglia, ma che vuole colpire l’uguaglianza delle persone e la loro dignità. Sul Colle si vedrà a tempo debito”.


Provenzano sottolinea che da parte di Renzi “c’è una responsabilità politica chiarissima, la maggioranza che aveva mediato e votato questo testo alla Camera non c’è stata al Senato e a sottrarsi in questi mesi è stata Italia Viva”.
Sull’assenza del leader di Iv in Aula commenta:

“Non c’era posto peggiore dove trovarsi ieri, ma il nodo è politico: noi abbiamo tolto a tutti gli alibi. Ci avevano chiesto di aprire alle modifiche e lo abbiamo fatto, la verità è che volevano affossare e stravolgere il testo”.

“Noi avevamo il dovere di condurre questa battaglia fino in fondo e fare in modo che tutti si assumessero la loro responsabilità: abbiamo agito come una squadra, Malpezzi, Zan, Rossomando, Mirabelli, Cirinnà. Tutti quelli che si sono spesi vanno solo ringraziati”, afferma Provenzano. Che, quindi, esclude “assolutamente” che la capogruppo si debba dimettere.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli