"Per quella vignetta mi chiamò Mattarella". Intervista a Makkox

Nicola Mirenzi
Makkox

Per prima cosa, guarda indietro: “Matteo Salvini ha fatto balenare di fronte ai nostri occhi l’incubo dello stato di polizia. Con le divise indossate come un caudillo sudamericano, gli striscioni degli avversari rimossi senza pudore, le forze dell’ordine e la Digos usati come i pretoriani di Saddam. Ho avuto paura. Guardavo la foto della famiglia leghista: Pillon, Fontana, Bagnai, Borghi e pensavo: ‘È un attimo e diventiamo come l’Ungheria’”. Il giorno in cui il nuovo Governo Conte ha giurato di fronte al presidente della Repubblica, Marco Dambrosio, in arte Makkox, ha provato una “sensazione fisica di risveglio e pacificazione”. Mentre lo ricorda – lui, che è un disegnatore formidabile, capace di raffigurare i protagonisti della politica italiana senza guardarli dallo spioncino banale dell’anti politica, ma cogliendo dietro le giacche e le cravatte i batticuori, le viscere, gli ardori, la commedia degli esseri umani – si abbandona sulla sedia per un attimo. Poi, di scatto, si rialza.

“Quando il 20 di agosto Giuseppe Conte ha pronunciato in Senato il suo discorso contro Salvini, che ancora era il ministro dell’interno, e sedeva proprio al suo fianco, sono stato felice di essere vivo. Nemmeno Sergio Leone poteva girare una scena così epica. Salvini che deve sollevare il bicchiere con due mani, perché le mani gli tremano. Conte che si ferma, fa una pausa, beve un sorso e rimette il bicchiere a posto, gelido come un chirurgo. È stato come vedere Fuga per la vittoria. Una grande esecuzione teatrale. Fossero stati su un set, il regista avrebbe battuto le mani: ‘Buona la prima’”.

 

 

Autore di Gazebo, disegnatore de l’Espresso e Il Post, erede dello spazio che fu di Vincino sul Foglio, difficile sfugga a Makkox che il Giuseppe Conte di cui parla è lo stesso Giuseppe Conte che ha presieduto il governo che aveva Salvini al suo interno: “Non so se quel discorso basti a riscattare l’uomo che ha firmato due decreti sicurezza. Non...

Continua a leggere su HuffPost