## Perch Israele ha frenato su annuncio annessione Cisgiordania

Fth

Roma, 1 lug. (askanews) - Sono quattro, secondo il Jerusalem Post, i motivi per cui l'annessione di parte della Cisgiordania occupata da Israele, prevista dal piano di pace dall'amministrazione americana del presidente Donald Trump e fortemente voluta dal premier israeliano Benjamin Netanyahu, non stata annunciata nella giornata di oggi come era nei programmi di governo. Il quotidiano israeliano cita in primo luogo il "disagio" di Washington, "Inquietudine" e "ansia" del fronte interno, la "reazione" dei palestinesi e le ripercussioni a livello regionale e internazionale, e per ultimo "la pandemia di coronavirus".

Lo stato ebraico ha fissato il primo luglio come data entro la quale deve decidere in merito all'attuazione del piano di pace degli Stati Uniti per il Medio Oriente svelato da Trump lo scorso 28 gennaio; un piano che prevede la creazione di uno stato palestinese in un territorio frammentato su circa il 70% della Cisgiordania e l'annessione da parte di Israele del restante 30%, in particolare le aree occpuate dagl insediamenti di coloni israeliani e la Valle del Giordano.

Netanyahu aveva negoziato la data nel suo accordo di coalizione con il suo rivale Benny Gantz. Ma marted il primo ministro, dopo un incontro con funzionari americani, ha dovuto ammettere che "non succeder nulla di grosso il primo luglio". L'ammissione di Netanyahu non significa che l'annessione integrale o in qualche altra forma non accadr mai, secondo i media israeliani.(Segue)