Perché Archie potrebbe diventare principe grazie a nonno Carlo

HuffPost

Archie Harrison Mountbatten-Windsor è il primogenito dei Duchi di Sussex Harry e Meghan e per ora è soltanto settimo in ordine di successione al trono, ma potrebbe diventare principe grazie a nonno Carlo. Lo riporta, tra le varie testate, il Daily Mail.

Il royal baby è per ora semplicemente “Master Archie” ma, stando a quanto afferma l’esperta della famiglia reale Patricia Treble, il piccolo Archie potrebbe comunque diventare principe con l’ascesa al trono del principe Carlo.
In quanto nipote del re per linea maschile, avrebbe diritto al titolo di “Sua Altezza Reale il Principe”.

La Treble ha altresì affermato: “Anche i figli del principe Edward potrebbero avere titoli reali, ma questa è una scelta riservata ai genitori”. Qualcuno ritiene che Harry e Meghan eviteranno di attribuire al figlio un titolo reale, ma la faccenda potrebbe evolvere diversamente in futuro.

“Forse accadrà quando sarà più grande e in linea di successione al ducato. La famiglia Windsor ha imparato la lezione dalle principesse Beatrice e Eugenie, che hanno avuto grandi problemi a conciliare i titoli reali col lavoro nel settore pubblico. È un ostacolo che Meghan e Harry vorrebbero risparmiare a loro figlio. In linea dinastica si può sempre salire, ma è difficile scendere”, ha aggiunto Patricia Treble.

Altri esperti sostengono che i Duchi di Sussex sceglieranno in modo che loro figlio possa vivere una vita il più normale possibile. Altri esperti sostengono che fare in modo che Archie assuma il titolo di principe costituirebbe una decisione cruiciale quindi, quando arriverà il momento, Meghan e Harry dovranno discuterne col Principe Carlo.

Marlene Koenig, storica della famiglia reale, ha detto: “Quando Carlo sarà re, Archie sarà nella stessa posizione delle principesse di York Beatrice e Eugenie”. Il titolo di principe, al momento, non spetta obbligatoriamente al primogenito dei Duchi di Sussex in base alle regole fissate nel ’17 da re Giorgio V per limitare...

Continua a leggere su HuffPost