"Perché con Salvini in Russia c'era il presidente di una associazione politica?". E' polemica per la presenza di Savoini nella delegazione italiana

Huffington Post

"Quali motivazioni hanno giustificato la presenza a Mosca del presidente di un'associazione politica collaterale alla Lega come 'Lombardia-Russia', durante la riunione ufficiale tra i Ministri degli Interni russo e italiano su un tema cruciale e riservato quale quello della cyber sicurezza? L'associazione Lombardia-Russia era in possesso delle necessarie autorizzazioni?". Lo chiede Alessia Morani, della presidenza del gruppo Pd alla Camera, con un'interrogazione al presidente del Consiglio e al ministro dell'Interno, a proposito della presenza nella delegazione italiana di Gianluca Savoini. Come riporta Repubblica, Savoini è da sempre militante nella Lega, storica firma de "La Padania" ed ex-portavoce dello stesso Salvini, sposato con la pietroburghese Irina, dal 2014 è presidente dell'Associazione culturale Lombardia-Russia, organismo che si propone di creare un "ponte" tra le imprese russe e italiane e di favorire i "contatti culturali". Contattato al telefono da Repubblica, Savoini ha liquidato come "ridicola" la polemica.

"Dalla stessa bacheca Facebook del ministro Salvini - spiega poi Morani - si è venuti a sapere tra i tanti temi discussi, nell'incontro tra Matteo Salvini e il suo omologo russo, ci sono stati la 'condivisione di buone pratiche, e banche dati, scambio di informazioni e competenze tecniche, fino all'istituzione di pattuglie miste tra Forze dell'ordine italiane e russè, 'un impegno comune di Italia e Russia per la cybersicurezza e la difesa dagli attacchi informatici'".

"Il Ministro dell'Interno - prosegue Morani - era accompagnato a questo delicatissimo incontro da Gianluca Savoini, presidente dell'Associazione Lombardia - Russia: un'associazione di natura politica che solo formalmente può considerarsi di carattere culturale, perchè da anni svolge attività di sostegno politico alla Lega soprattutto per quanto riguarda sia i legami con l'estrema destra europea e russa sia il sostegno e il rilancio della propaganda del regime di Putin...

Continua a leggere su HuffPost