Perché dovremmo inserire i formaggi magri nella nostra dieta e come farlo in modo gustoso

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Taylor Kiser on Unsplash
Photo credit: Taylor Kiser on Unsplash

From ELLE

Per una dieta sana ed equilibrata, i latticini sono un alimento irrinunciabile. Ecco perché i formaggi magri, ovvero quelli a basso contenuto di grassi, sono ideali per il nostro benessere e per evitare di farci sentire appesantite. Sono ricchi di proteine, sali minerali, vitamine, come calcio e fosforo, che sono fondamentali per la salute delle ossa. A differenza dei formaggi più classici, dal gorgonzola al grana, i formaggi magri sono decisamente più digeribili e contengono meno colesterolo. L'ultima buona notizia? Che questa tipologia di latticini è davvero gustosa e può essere utilizzata per preparazioni sfiziose che strizzano l'occhio alla linea. Ecco allora quali sono i formaggi magri con poche calorie e tanto gusto:

  • Feta

  • Stracchino

  • Yogurt

  • Ricotta

  • Caprino

  • Robiola

  • Primo sale

  • Scamorza affumicata

Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

Formaggi magri, come si usano in cucina

Probabilmente avrete notato un intruso nella definizione di formaggio, lo yogurt, che più propriamente appartiene alla famiglia dei latticini. Tuttavia, date le sue poche calorie e la predisposizione a essere usato in ricette sfiziose, merita un posto in questa lista. Lo yogurt infatti non è solo un alimento da colazione, può essere utilizzato per creare salse d'accompagnamento per verdure e carni magre. Un esempio arriva direttamente dalla Grecia ed è lo tzatziki, salsa a base di yogurt greco, cetrioli, aneto e aglio. Cremosa e saporita è l'ideale per intingere verdure croccanti o servire insieme a un filetto di pesce.

Dal Mar Egeo arriva anche la feta, la principessa dei formaggi magri. Si tratta di un latticino dalla consistenza dura e friabile, sapore vagamente acidulo, realizzato con latte di pecora. Prende il nome dalla parola greca fetas che significa fetta, per via della forma in cui si presenta. La feta ha svariati usi, tra cui il più comune è quello tagliata a tocchetti per l'insalata greca insieme a cipolla, cetrioli, pomodoro, olive e origano. Si può gustare anche cotta, ad esempio è perfetta per preparazioni come zucchine al forno ripiene di feta e menta.

Ricotta, caprino, robiola e stracchino sono formaggi dall'aspetto più morbido, spalmabili con facilità e dal sapore non troppo intenso. Si possono gustare in purezza oppure l'ottima idea è usarli per insaporire vellutate di verdura e sformati. Il primo sale può essere un sostituto magro della mozzarella e la scamorza affumicata dona quello zing di sapore in più a una parmigiana light, fatta di melanzane e salsa di pomodoro passate al forno.