Perché investire nelle società di infrastrutture quotate legate all’energia pulita

·2 minuto per la lettura
Perché investire nelle società di infrastrutture quotate legate all’energia pulita
Perché investire nelle società di infrastrutture quotate legate all’energia pulita

Secondo Xavier Chollet e Christian Roessing, Senior Investment Manager e gestori del fondo Pictet-Clean Energy di Pictet Asset Management, il settore è destinato a una rapida crescita

Investimenti in attività reali come le reti elettriche e le centrali idroelettriche tendono a fornire flussi di cassa stabili e protetti dall’inflazione. Ecco perché gli investitori istituzionali con passività a lungo termine, quali fondi pensione e compagnie assicurative, da decenni allocano capitale nelle infrastrutture. E l’attrattiva verso questo tipo di titoli è destinata a crescere nei prossimi dieci anni, soprattutto nel settore dell’energia pulita.

SETTORE IN CRESCITA

È la visione di Xavier Chollet e Christian Roessing, Senior Investment Manager e gestori del fondo Pictet-Clean Energy di Pictet Asset Management. Secondo i due esperti, con Stati Uniti, Europa e Cina in procinto di spendere miliardi di dollari per una ripresa dell’economia “green”, una vasta gamma di attività sostenibili e legate alle energie rinnovabili, come gli impianti eolici e solari, le infrastrutture per veicoli elettrici e gli edifici ecocompatibili, è destinata a una rapida crescita.

NON SOLO MERCATI PRIVATI

Le opportunità nel settore delle infrastrutture, sottolinea Pictet, non saranno limitate ai mercati privati, ma si presenteranno anche sotto forma di titoli quotati. Il rendimento delle società che vendono azioni in Borsa ha infatti raggiunto quello degli investimenti privati. Rispetto alle forme di allocazione dirette, le società di infrastrutture quotate operano in un’ampia gamma di settori, il che permette di costruire un portafoglio diversificato. Inoltre sono tenute a pubblicare aggiornamenti trimestrali relativi a vendite, utili e offerta di prodotti, quindi gli investitori possono monitorare frequentemente le performance dei titoli.

L’IMPORTANZA DEI CRITERI ESG

Infine, ricordano i due esperti di Pictet, le società quotate tendono a presentare profili migliori in relazione ai criteri ESG. Anche per questo, le attività del settore che stanno emergendo di più sono quelle legate all’energia pulita. Già prima della pandemia, il comparto delle rinnovabili rappresentava la quota maggiore di investimenti in infrastrutture nel settore privato. Nonostante la direzione intrapresa sia giusta, secondo l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili, gli investimenti complessivi nel sistema energetico dovranno aumentare del 16% fino a 110mila miliardi di dollari entro il 2050 per rispettare gli obiettivi climatici.

IL FENOMENO DELLE SPAC

I due manager di Pictet ritengono che il mercato pubblico possa attirare una quota significativa di questo capitale, grazie anche al fenomeno delle SPAC, che stanno prediligendo settori come quello dei veicoli elettrici o a carburante alternativo, delle vetture a guida autonoma e dello stoccaggio delle batterie a livello di rete. Le società di infrastrutture quotate specializzate in questi comparti, concludono i due manager, consentono agli investitori anche di allineare i propri obiettivi di rendimento a quelli ambientali e sociali. Per approfondimenti su investimenti e strategie a cura di Pictet Asset Management è possibile visitare il sito corporate e il blog di cultura finanziaria Pictet per Te.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli