Perché la Nato (con le truppe italiane e spagnole) è impegnata a difendere i turchi al confine

La Nato, dal gennaio del 2013, ha messo a disposizione della Turchia, dietro richiesta esplicita del governo di Ankara, alcuni assetti per implementare le sue capacità di difesa aerea a seguito dell’acuirsi del conflitto armato in Siria. E ora si è imposta la operazione di Erdogan. Cosa succede?