Perché le donne inviano foto di nudo? E gli uomini? La faccenda è complicata, rivela uno studio

Brittany Wong

Questo articolo è apparso su Huffpost Us ed è stato tradotto da Milena Sanfilippo

Il “sexting” è un linguaggio universale: lo adotta Jeff Bezos (benché goffamente; vi ricordate di quel suo strano messaggio che diceva: “ti amo, ragazza viva?”), vi ricorre Rihanna e anche gli adolescenti (anche se la percentuale è inferiorerispetto a quanto si possa pensare leggendo i titoli più allarmanti).

Non è facile dare una risposta che spieghi come mai ci piace inviare immagini osé: è possibile ridurre tutto all’eccitazione nuda e cruda, oppure esiste un motivo più radicato che ci spinge a premere “invia” su quell’immagine di nudo?

Nel suo nuovo studiola ricercatrice della University of Arizona, Morgan Johnstonbaugh, si è posta proprio questa domanda: cosa spinge i giovani a inviare messaggi espliciti – e la spiegazione differisce tra uomini e donne?

Per condurre lo studio Johnstonbaugh, dottoranda in sociologia, ha chiesto a più di 1000 universitari, da sette atenei, di rispondere a un sondaggio online volto a conoscere il motivo per cui ciascuno di loro ricorre al sexting. La studiosa si è soffermata su due elementi principali: la pressione esterna che spinge a condividere e il desiderio di sentirsi più forti attraverso un messaggio – per farla breve, inviare una foto di nudo serve ad accrescere la sicurezza di sé.

La ragione più diffusa per l’invio di una foto di nudo, o semi-nudo, era grossomodo la stessa per le donne (73%) e per gli uomini (67%). Analogamente, il 40% delle donne e degli uomini ha risposto che la scelta d’inviare una foto serve a soddisfare una richiesta del destinatario stesso. Quest’ultimo punto – e cioè che uomini e donne sono parimenti entusiasti di cedere a una richiesta simile – ha sorpreso Johnstonbaugh. A quanto pare anche gli uomini subiscono pressioni esterne,” ha spiegato a HuffPost.

Ma per le donne le probabilità di considerare l’invio di nudi come un tentativo d’impedire la perdita di...

Continua a leggere su HuffPost