Perché l'Orchestra multietnica di piazza Vittorio suona il "Va Pensiero"

Red-San

Roma, 18 dic. (askanews) - La multietnica Orchestra di Piazza Vittorio, l'ensemble di musicisti che racchiude tutto il mondo, torna ad esplorare in chiave ultra-contemporanea i territori della lirica con uno dei più celebri cori del repertorio operistico, il Va' pensiero del terzo atto del Nabucco di Giuseppe Verdi. Il video diretto da Francesco Cabras e online da oggi, gioca sui piani ravvicinati che inquadrano i vari componenti dell'Orchestra, come a voler ribadire che da qualunque parte del mondo si provenga, siamo tutti esseri umani, individui, ognuno con la propria storia, il proprio vissuto, la propria vita. Alle spalle, una tenda mossa dal vento, un richiamo simbolico al drappo di una bandiera, un'esortazione a prendere coscienza che è arrivato il momento di far cambiare aria a chi la sta infettando.

L'OPV si riappropria così di una composizione musicale - nell'opera verdiana riferita agli ebrei prigionieri in Babilonia - che è un inno malinconico alla patria perduta per dargli una nuova sfumatura di senso: in questo caso la patria perduta non è un passato idealizzato di purezza cui guardare con nostalgia, non è quel sentimento di rivalsa contro la modernità e la globalizzazione che sta animando i sovranismi di mezzo mondo. E' al contrario un canto di speranza, un invito a ritrovare quel senso di comunità, quella civiltà fondata - dopo i traumi del nazismo, dell'olocausto e della seconda guerra mondiale - sui valori di rispetto della dignità umana, della solidarietà e della convivenza civile, quei valori della nostra Costituzione che soltanto in questi ultimi anni sono stati messi in discussione da narrazioni che hanno trovato terreno fertile nelle contraddizioni della globalizzazione. L'OPV si riappropria così di un patrimonio culturale storico e musicale per restituirlo a noi tutti. Perché l'Orchestra è sì multietnica ma di fatto è italianissima. Una realtà unica al mondo che è per sua natura stessa realtà politica. Come è un atto politico la scelta, oggi, di reinterpretare il Va' Pensiero, per strapparlo a chi indebitamente in questi anni voleva farlo diventare un inno secessionista.