Perché per l'ex premier finlandese il G20 di Roma è stato un successo

·5 minuto per la lettura

AGI - Al G20 preferisce le organizzazioni che possono decidere impegni più “vincolanti”, sul clima pensa che la priorità sia “risolvere l'equazione” fra Stati Uniti e Ue da un lato, Cina e Russia dall'altro, non teme che la Polonia esca dall'Ue e crede che con la Brexit il Regno unito si sia “autosanzionato”, mentre sulla risposta alla pandemia  l'Ue “non avrà mai il riconoscimento che merita”. 

L'ex premier finlandese Alexander Stubb è il direttore della Scuola di governance trasnazionale dell'Istituto Universitario Europeo. A Fiesole, dove si trova la splendida sede dell'ateneo dell'Unione europea, è tornato alla vita accademica nel 2020, dopo una lunga carriera politica fra Oslo e Bruxelles. In questa intervista all'Agi dice “in politica ho sempre dovuto rispondere "sì" o "no".

Nel mondo accademico, la vita è un po' meno bianca e nera, posso semplicemente dire: "dipende”. Europeista convinto, è stato europarlamentare dal 2004, ministro finlandese degli Esteri, delle Finanze, egli Affari Europei e anche primo ministro dal 2008 prima di essere nominato vicepresidente della Banca europea degli Investimenti dal 2017 al 2020, quando è arrivato all'Ieu. Poliglotta e sportivo appassionato, si definisce un “triatleta dilettante”.

Nei giorni scorsi a Roma, il capo del governo italiano, Mario Draghi, ha presieduto un vertice del G20 che aveva l'obiettivo di rilanciare il multilateralismo per affrontare le crisi globali. Pensa che sia stato un successo?
"Normalmente, sono piuttosto scettico riguardo ai formati G, che sia il G7 o il G20, perché sono essenzialmente intergovernativi e non vincolanti. Si basano su relazioni tra stati nazionali che sono importanti, ma non raccontano tutta la storia. Penso che viviamo in un mondo transnazionale dove gli stati sono solo una parte di un gioco più grande che include organizzazioni internazionali, il settore privato e la società civile. Forse il mio scetticismo deriva anche dal fatto che i nordici, che sarebbero il G9 in base al PIL, non sono direttamente rappresentati. Detto questo, penso che la riunione sia stata un successo, perché ha riunito i leader mondiali per prendere impegni su temi chiave come il clima e le tasse".

Nel frattempo, a Glasgow è iniziata la Cop26 e la posta in gioco è molto alta, come hanno dimostrato la scienza e gli organizzatori della conferenza sul clima. Pensa che anche i paesi più riluttanti possano essere convinti ad agire rapidamente?
"In politica ho sempre dovuto rispondere "sì" o "no". Nel mondo accademico, la vita è un po' meno bianca e nera, posso semplicemente dire: "dipende". Sono sicuro che vedremo impegni più ambiziosi sul ritmo con cui andiamo verso lo zero netto. Sono anche convinto che la maggior parte degli stati vorrà mantenere vivo l'obiettivo di 1,5 gradi. La verità, tuttavia, è che gli stati ricchi devono fare un passo avanti. I paesi del G20 rappresentano l'80% delle emissioni. Gli Stati Uniti e l'UE stanno riducendo le emissioni, mentre la Cina e l'India le stanno aumentando. Questa equazione deve essere risolta perché i primi hanno beneficiato dell'industrializzazione più dei secondi".

L'Europa ha mostrato resistenza durante la crisi pandemica, e dopo un inizio in cui ha mostrato poca solidarietà per i primi paesi colpiti, come l'Italia, ha finito per prendere misure molto importanti. Pensa che questo l'abbia rafforzata contro le pressioni centrifughe e le forze euroscettiche?
"L'Unione Europea è una gestione costante delle crisi. Rispetto all'euro e alla crisi dell'immigrazione, penso che l'UE abbia affrontato bene la pandemia, anche se con un ritardo di 2-3 settimane all'inizio. Sul fronte economico saremmo nel caos senza gli interventi della BCE, della BEI e della Next Generation Recovery Facility. Tutto questo è stato messo in piedi in quattro mesi. Confrontatelo con l'ESM, che ha richiesto quattro anni. Sul fronte della salute, la Commissione europea ha fatto un ottimo lavoro nel procurare e distribuire i vaccini".

"L'Europa ha i più alti tassi di vaccinazione ed è il più grande esportatore di vaccini. L'UE non avrà mai il riconoscimento che merita per ciò che ha fatto, ma è difficile per gli euroscettici sostenere che gli stati nazionali avrebbero affrontato meglio la crisi da soli".

La crisi con la Polonia sullo stato di diritto ha messo ancora una volta in discussione la resilienza dell'Unione Europea. Quanto pensa che sia reale il rischio di una Pol-exit?
"Non sono preoccupato per la Polexit. Il costo alternativo per la Polonia sarebbe semplicemente troppo alto, sia dal punto di vista finanziario che della sicurezza. In ogni caso circa l'80% dell'opinione pubblica polacca sostiene l'adesione all'UE. Penso che l'attuale governo polacco stia giocando con il fuoco e stia usando un linguaggio incendiario, per esempio con i riferimenti alla terza guerra mondiale, che sono semplicemente fuori luogo".

"Tuttavia, penso che questo sia un problema fondamentale su due fronti. In primo luogo, si tratta di credibilità istituzionale - senza valori comuni, non abbiamo nulla. In secondo luogo, si tratta della credibilità del pacchetto Next Generation EU. Se la Polonia viene lasciata fuori dai guai, mette a rischio l'intero pacchetto. Io credo che l'UE se la caverà, lo fa sempre. La questione è se lo farà verso il basso o verso l'alto".

Parlando di "uscite", la Brexit continua ad avere effetti sulle relazioni tra Regno Unito e UE e anche con i singoli paesi, l'ultimo esempio è la disputa sulla pesca nella Manica con la Francia. Come vede la situazione? Pensa che la questione irlandese possa trovare una soluzione?
"Il dilemma qui sembra essere un vecchio dilemma: Francia contro Regno Unito. La prima ha bisogno di dimostrare che lasciare l'UE ha un costo elevato. Il secondo vuole dimostrare che sta meglio con la Brexit che senza".

"Ancora una volta, credo che una soluzione sarà trovata, ma è chiaro che non importa come la si guardi, la Brexit è la cosa più stupida che uno stato nazionale abbia fatto nella storia moderna. Pura auto-emarginazione. In pratica il Regno Unito si è autosanzionato e ha creato un'area di libero scambio più piccola dei suoi confini".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli