Perché si dice 'estate di San Martino'? La curiosità che non tutti conoscono

A novembre, per tre giorni consecutivi a ridosso dell’11 del mese, si verifica l’estate di San Martino, un singolare fenomeno climatico che concede temperature più miti rispetto a quelle tipiche del periodo. Secondo una leggenda di origini cristiane, la circostanza sarebbe legata alla vita dello stesso santo che viene celebrato proprio l’11 novembre. Pare che il giovane, all’epoca militare dell’impero romano, incontrò un mendicante durante un violento temporale. Dispiaciuto di vederlo sotto l’acqua incessante, tagliò il suo mantello in due e gliene donò la metà. All’improvviso la pioggia cessò e durante la notte Gesù gli apparve in sogno dicendo di essere lui quell'uomo che aveva aiutato. Al risveglio, Martino trovò il mantello intatto e decise di convertirsi per dedicarsi alla vita monacale. L’estate di San Martino è legata anche alla tradizione contadina: è proprio in quei giorni, infatti, che si aprono le botti del vino novello. Foto: Kikapress