Perché Tesla ha deciso di puntare sulle batterie al litio ferro fosfato

DING TING / XINHUA / XINHUA VIA AFP

AGI - Elon Musk ha rivelato nella comunicazione agli investitori in occasione dei dati trimestrali di Tesla, di cui è cofondatore e amministratore delegato, che quasi la metà dei veicoli prodotti dalla compagnia automobilistica nel primo trimestre 2022 (circa 150 mila automobili) montano batterie al litio ferro fosfato (le cosiddette LFP), anziché batterie a base di nichel e cobalto.

"La diversificazione della chimica delle batterie - si legge - è fondamentale per la crescita della capacità a lungo termine, per ottimizzare meglio i nostri prodotti per i loro vari casi d'uso ed espandere la nostra base di fornitori. Questo è il motivo per cui quasi la metà dei veicoli Tesla prodotti nel primo trimestre era dotata di una batteria al litio ferro fosfato (LFP), priva di nichel o cobalto. Attualmente, le batterie LFP sono utilizzate nella maggior parte dei nostri prodotti per veicoli della gamma standard, nonché nelle applicazioni commerciali di accumulo di energia".

È stata la prima volta che Tesla ha rivelato dettagli simili sulla composizione delle sue batterie. Un dettaglio non da poco, passato inosservato a causa dell'operazione Twitter dello stesso Elon Musk e anche dai dati della trimestrale di Tesla.

Cosa sono le batterie LFP

Le batterie a base di ferro sono sul mercato dalla fine degli anni Novanta. Non hanno mai preso troppo piede rispetto a quelle al Nichel-Cobalto perché più voluminose e con minor densità energetica. Tra i vantaggi hanno un rischio di incendio inferiore rispetto alle Nichel-Cobalto e possono essere completamente caricate continuamente senza perdere così tante prestazioni per tutta la durata della batteria. E costano meno.

Che sta succedendo allora? La crisi internazionale innescata dall'aggressione russa ai danni dell'Ucraina ha creato problemi di approvvigionamento del nichel. L'estrazione del cobalto soprattutto nelle miniere del Congo poi è sempre più pericolosa per la salute. Entrambi questi minerali pongono dunque seri problemi di sostenibilità. Va detto che Tesla non è la sola a scommettere che le batterie LFP, già popolari in Cina, possano farsi strada nei mercati occidentali.

Più di una dozzina di aziende stanno valutando la possibilità di creare fabbriche per batterie e componenti LFP negli Stati Uniti e in Europa nei prossimi tre anni. "Penso che le batterie al litio ferro fosfato avranno una nuova vita," ha detto Mujeeb Ijaz, fondatore della startup statunitense di batterie Our Next Energy, che sta esplorando un sito di produzione statunitense. "Hanno un chiaro vantaggio a lungo termine per l'industria dei veicoli elettrici" ha sottolineato.

Ijaz ha lavorato nel settore delle batterie abbastanza a lungo da assistere a come una tecnologia che non è riuscita a prendere piede in America dieci anni fa, stia ora avendo un nuovo slancio. È stato Chief Technology Officer presso A123, uno dei primi produttori di batterie LFP, fallito nel 2012 (poi acquisito da una società cinese).

Ijaz e altri sostenitori della LFP hanno chiamato in causa l'abbondanza e i prezzi più bassi del ferro come un fattore chiave che inizia a superare gli svantaggi che hanno frenato l'adozione delle cellule LFP a livello globale: il fatto che fossero più grandi e più pesanti e generalmente con meno energia delle batterie al Nichel-Cobalto (ma una tecnologia in grado di massimizzare la “coppia” potrebbe tranquillamente bypassare questo svantaggio).

I numeri delle LFP

Secondo i dati di Benchmark Mineral Intelligence le LFP rappresentano solo il 3% delle batterie negli Stati Uniti e in Canada nel 2022 e il 6% nell'Unione Europea, mentre le celle al nichel-cobalto coprono il resto. In Cina, le LFP coprono il 44% del mercato dei veicoli elettrici contro il 56% delle Nichel-Cobalto. Il 90% della produzione globale di batterie LFP è cinese.

"La migliore polizza assicurativa che hanno le case automobilistiche è quella di incorporare più catodi a base di ferro nel loro portafoglio" ha fatto sapere la startup statunitense di veicoli elettrici Fisker, che prevede di utilizzare batterie LFP nei suoi SUV di fascia bassa. Il ceo Henrik Fisker ha detto anche che trattando con i fornitori per procurarsi batterie prodotte negli Stati Uniti, in Canada o in Messico, già dal 2024 o 2025. L'approvvigionamento locale è importante perché è costoso spedire i pacchi pesanti dall'Asia, in particolare per i veicoli a basso costo. Inoltre, non è ecologico, ha aggiunto il CEO, fiducioso che ci sarà un posto importante per le batterie LFP nel mix globale di veicoli elettrici.

Le grandi case automobilistiche

Anche alcune grandi case automobilistiche stanno valutando le LFP, soprattutto dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. C'è l'Audi di Volkswagen, che non ha mai utilizzato batterie LFP prima. "Può darsi che vedremo LFP in una porzione più ampia della flotta a medio termine", ha dichiarato a marzo il CEO di Audi Markus Duesmann.

"Dopo la guerra, emergerà una nuova situazione. Ci adatteremo a quella e sceglieremo di conseguenza le tecnologie e le specifiche delle batterie". Joachim Post, chief procurement officer di BMW, ha detto di recente che la società sta esaminando i vantaggi delle LFP. "Stiamo esaminando diverse tecnologie per ridurre al minimo l'uso delle risorse e stiamo anche cercando di ottimizzarne la chimica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli